Stampa questa pagina

Circa la mia candidatura a Sindaco di Napoli nella lista del P.A.S.

Deputato al Parlamento Europeo Agli ormai molti napoletani secondo i quali sia Bassolino che gli altri candidati via via indicati dal centro destra sono tutt’al più delle brave persone (o anche dei bravi imprenditori, professionisti ecc.), non deve però sfuggire che in politica la mediocrità è funzionale alla conservazione.

Se dunque, nonostante i risultati non entusiasmanti del centro destra alla Regione e del centro sinistra al Comune, i voti rimanessero ugualmente in questi due blocchi falsamente contrapposti, ciò proverebbe che Napoli non ha una maggioranza che vuol cambiare.

Se invece gli elettori decidessero che l’impotenza di questi nuovi "onesti" è perniciosa, e che la vera disonestà è proprio nell’occupare le cariche senza esserne in grado, sarebbe venuto il momento dell’affermazione in Italia del P.A.S., perché esso è da tempo osteggiato appunto per il timore che possa produrre un vero cambiamento a scapito dell’attuale - rovinosa - "rivoluzione per non cambiare".

In ogni caso, anche se la negligenza di cambiare fosse tale che i candidati del P.A.S. non possano prendere più del loro stesso voto, la nostra partecipazione servirà a fare emergere queste contraddizioni e poi a far sì che siano superate, perché con questo tipo di uomini politici la città non può, a priori, avanzare un millimetro.

Nel pormi a disposizione di chiunque desideri concorrere a questo sforzo, auguro ai napoletani di scegliere per il meglio e li saluto affettuosamente.

On. Avv. Alfonso Luigi Marra

Informazioni aggiuntive

  • N.: 42
  • Data: 28-07-1997
Letto 3381 volte